Artisti emergenti: Giuliano Marinelli in radio dal 9 Gennaio con il singolo “I pazzi siamo noi”, primo estratto dall’ album “La saggezza dei diamanti”
13 gennaio 2017
Raggiunto il picco dell’influenza. Perché mette ko
14 gennaio 2017
Visualizza tutto

Baseball, il Nettuno Baseball City non risponde alla chiamata del Presidente Federale

Andrea Marcon aveva preso un impegno e lo ha rispettato. Durante la conferenza stampa insieme al Sindaco di Nettuno Angelo Casto il neo presidente della Fibs era stato molto chiaro:

“E’ compito del presidente federale capire quello che sta accadendo a Nettuno tra le società di vertice. Ci riuniremo intorno a un tavolo per risolvere le questioni che creano tensioni nel movimento. Lo faremo al più presto”.

Così è stato. Era il 4 gennaio quando la questione fu sollevata dall’intervento del patron del Città di Nettuno durante la conferenza stampa. Oggi, dopo 8 giorni era previsto l’incontro. Chiamati a sedersi intorno al tavolo erano appunto il Città di Nettuno, il Nettuno Baseball City e il Nettuno2. A rappresentare la federazione lo stesso presidente Andrea Marcon, uno dei vice presidenti Gigi Mignola ed il consigliere federale Luigi Cerchio. Presente il Città di Nettuno con Piero Fortini con l’Avvocato della società, presente il Nettuno2 con Domenico Della Millia che ha ospitato l’incontro anche in qualità di presidente del Comitato Regionale (nelle prossime ore Baseballmania pubblicherà una intervista rilasciata proprio dal presidente del Comitato Regionale Lazio) . Una società assente il Nettuno Baseball City.

Crediamo che ogni commento a questo punto sia superfluo. Questi sono i fatti, incontrovertibili, così nessun improvvisato reporter può ricamarci sopra invenzioni e accuse di creare notizie ad arte. Oggi era previsto un vertice che, vista la presenza delle massime cariche della federazione, poteva essere l’occasione per un confronto serio e di crescita. Oggi poteva essere l’occasione per togliere di mezzo attriti e incomprensioni. Oggi forse si poteva fare un passo avanti. Qualcuno ha deciso che non doveva accadere.