24 febbraio 2017
Il commissario Soneri e la legge del Corano di Valerio Varesi
27 febbraio 2017
Visualizza tutto

Dizionario della stupidità di Piergiorgio Odifreddi

La lettura dei lemmi di questo dizionario, brevi eppure sempre profondi, stuzzica lo spirito critico e ci invita a usare più attivamente il cervello.

È la certezza che gli stupidi sono sempre gli altri a permettere a ciascuno di noi di convivere così bene con la propria stupidità.

“Infinito è il numero degli stolti” scrisse un traduttore dell'”Ecclesiaste” fraintendendo il testo originale. E dimostrando di essere lui stesso uno stolto. Fu poi Einstein che, nel riprendere il medesimo concetto, affermò: “Due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana, ma sull’universo ho ancora dei dubbi”. C’è dunque un punto su cui il pensiero religioso e quello scientifico concordano: come dimostra l’esperienza quotidiana di ciascuno di noi, la stupidità – ovvero l’incapacità di interpretare lucidamente la realtà, e di reagire in maniera adeguata alle diverse evenienze – è comunissima e pervade ogni ambito, dalla filosofia alla finanza, dall’amore alla pubblicità. Per difendersi da questo pericoloso fenomeno, occorre riconoscerlo tempestivamente e saperlo classificare. Ecco perché Piergiorgio Odifreddi ci offre questo utilissimo dizionario (talvolta necessariamente alquanto impertinente) in cui, con logica sempre stringente, smaschera molte fra le più fastidiose manifestazioni di stupidità. Spaziando tra scienza, cultura, attualità e vita di ogni giorno, ci parla di medicina e vaccini, rilegge autori classici da Dante a Sartre, ci mette in guardia dalle assurdità del politically correct e ci insegna a prendere le distanze da ciarlatani e fattucchiere (ma anche dai banchieri).

 

Autore:  Piergiorgio Odifreddi  ha studiato matematica in Italia, negli Stati Uniti e in Unione Sovietica, e insegna Logica presso l’Università di Torino e la Cornell University.
Collaboratore di Repubblica, L’Espresso, Le Scienze e Psychologies, dirige per Longanesi la collana di divulgazione scientifica «La Lente di Galileo».
Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, tra le quali, come ospite fisso, a Crozza Italia su La7.
Ha vinto nel 1998 il Premio Galileo dell’Unione Matematica Italiana, nel 2002 il Premio Peano della Mathesis e nel 2006 il Premio Italgas per la divulgazione.
Tra i suoi libri: Il Vangelo secondo la scienza 1999, La matematica del ‘900 2000, Il computer di Dio 2000, C’era una volta un paradosso 2001, La repubblica dei numeri 2002, Il diavolo in cattedra 2003, Le menzogne di Ulisse 2004, Il matematico impertinente 2005, Penna, pennello e bacchetta 2005, Incontri con menti straordinarie 2006, Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici) 2007, Il matematico impenitente 2008, In principio era Darwin 2009
Hai vinto, Galileo 2009, C’è spazio per tutti 2010, Caro Papa, ti scrivo 2011.