Parigi, spari all’aeroporto di Orly Ucciso un uomo ai controlli «Si dirigeva verso McDonald’s»
18 marzo 2017
Artisti emergenti – ANDREA LORENZONI “MONDO CLUB” il nuovo album in uscita il 23 marzo
20 marzo 2017
Visualizza tutto

L’ imbecillità è una cosa seria di Maurizio Ferraris

A lungo l’umanità si è considerata perfetta, attribuendo le proprie eventuali défaillances all’alienazione portata dalla tecnica o all’azione di entità arcane e malvage come il Capitale e l’Europa. Ma sarebbe bastato un esame di coscienza per capire che il problema era un altro: l’imbecillità, dentro e fuori di noi. L’imbecillità è una cosa seria, a cui sinora non si è dato che uno sguardo distratto, come fosse una cosa per pochi e, soprattutto, per altri. Non è così, e, appena ce ne accorgiamo, i conti tornano, nell’economia, nella società e nella storia. Parte da qui l’irresistibile riflessione del filosofo su questa imbarazzante caratteristica dell’umano. Ce n’è per chiunque: per i titani del pensiero, per i giganti indiscussi della letteratura, per i protagonisti della storia universale. L’umano, insomma, è essenzialmente (e non accidentalmente) un imbecille. Ed è di qui, solo di qui, dal sentirci tutti lambiti dalla grande ala dell’imbecillità, che ha origine il progresso, la lunga avanzata dell’umanità verso il bene – ossia, la sua fuga senza fine dall’imbecillità.

AUTORE: Maurizio Ferraris Filosofo italiano è professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Torino, dove dirige il LabOnt (Laboratorio di ontologia).
Editorialista di “La Repubblica”, è inoltre direttore della “Rivista di Estetica”, condirettore di “Critique” e della “Revue francophone d’esthétique”.
Fellow della Italian Academy for Advanced Studies (New York), della Alexander von Humboldt-Stiftung e del Käte Hamburger Kolleg “Recht als Kultur” di Bonn, Directeur d’études al Collège International de Philosophie, visiting professor alla Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e in altre università europee e americane.
Ha scritto una cinquantina di libri tradotti in varie lingue.
Tra i più recenti, segnaliamo “Documentalità” (2009), il “Manifesto del nuovo realismo” (2012), “Filosofia per dame” (2011), “Anima e iPad” (2011) e “Spettri di Nietzsche” (2014)