Gli audiolibri… di Elasti
13 aprile 2017
Straccetti di pollo al limone miele e rosmarino
13 aprile 2017
Visualizza tutto

Raz Degan vincitore dell’isola 2017

E’ arrivato primo all’edizione dell’isola dei famosi 2017 Raz Degan ,  vincendo con l’89% dei voti all’ultima sfida con il giovane Simone Susinna. Un risultato che non sorprende: Raz Degan, è stato subito il naufrago più amato di questa edizione e il vero protagonista del reality,  grazie al suo atteggiamento, che non è stato mai proposto da nessun concorrente di questa trasmissione, ovvero decidendo di giocare “da solo” e comportandosi come un concorrente di Survivor più che dell’Isola, chiamandosi fuori dalle chiacchiere da spiaggia e dalla strategie e alleanze settimanali. Anche se per lui la vera svolta è stata la visita a sorpresa sull’Isola di Paola Barale, la sua “bionda” compagna di vita per tanti anni.

Da allora ha anche smussato qualche lato del suo carattere e vinto un televoto dopo l’altro. D’altronde l’aveva sempre detto che il suo vero limite era riuscire a relazionarsi con gli altri più che riuscire a sopravvivere, cosa che ha fatto benissimo. Bella la sua idea di devolvere la parte del premio che andava in beneficenza ai bambini della Siria. Raz Degan è nato in Israele, nel kibbutz Sde Nehemia nel 1968, ma a 21 anni, dopo il servizio militare lascia il suo Paese e comincia a lavorare come modello in giro per il mondo, tra la Thailandia, gli Stati Uniti, l’Italia, l’Australia e la Francia e guadagnando le copertine di riviste come Vogue, Elle, Cosmopolitan e Glamour. In Italia diventa molto popolare grazie a diversi spot televisivi, per Polaroid, il bagnoschiuma Pino Silvestre e soprattutto per Jägermeister, in cui recita la famosa battuta: “Sono solo fatti miei!” che ha usato anche all’Isola. Si è distinto anche prima di salutare l’Honduras, ha scelto di ringraziarla con il criticato gesto del lancio del riso per terra e con la “liberazione” dei paguri, dettaglio che non è passato per la testa a nessuno degli altri finalisti, troppo impegnati a pensare agli aspetti “materiali” legati al ritorno alla civiltà.